doctor mask hospitalCon il decreto 8 aprile 2020 n. 23, c.d."Decreto Liquidità", è stato ampliato l'ambito di operatività dell'art. 64, D.L. n. 18/2020, c.d. decreto "Cura Italia", che prevedeva agevolazioni fiscali destinate alle imprese che attuino azioni di sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro come misura preventiva di contenimento del contagio del virus COVID-19.

L’articolo 30 ammette anche le spese per l’acquisto di dispositivi di prevenzione individuale (DPI) e di altri dispositivi di sicurezza, atti a proteggere i lavoratori dall’esposizione accidentale a agenti biologici e garantire la distanza di sicurezza interpersonale.

Le spese che danno diritto al credito d’imposta sono:

  • Spese di sanificazione degli ambienti di lavoro;
  • Spese di sanificazione degli strumenti di lavoro;
  • Spese per l’acquisto di DPI dei lavoratori;
  • Spese per l’acquisto di altri dispositivi di sicurezza dei lavoratori.

Qui sotto un elenco esemplificativo dei DPI e altri dispositivi di sicurezza come da relazione illustrativa del Decreto:

DPI

  • Mascherine chirurgiche, FFP2 e FFP3;
  • Guanti;
  • Visiere e occhiali protettivi;
  • Tute di protezione e calzari.

Altri dispositivi di sicurezza

  • Barriere protettive;
  • Pannelli protettivi;
  • Detergenti mani;

Si tratta di un credito d’imposta pari al 50% delle spese sostenute e documentate nel 2020, fino a un importo massimo di 20.000 Euro per ciascun beneficiario.

Il credito è utilizzabile, esclusivamente, in compensazione orizzontale con altri tributi e contributi, utilizzando il Modello F24. da presentare all'Agenzia delle Entrate, mediante i servizi telematici.  

 

Contatta il team di Polistudio, siamo a tua disposizione per informazioni.