Un altro passo verso la direttiva 2013/35/UE

È stato approvato il 29 aprile dal Consiglio dei Ministri l’esame preliminare del decreto legislativo riguardante la sicurezza e i rischi di esposizione dei lavoratori ai campi elettromagnetici.

Il decreto, che avvierà la direttiva 2013/35/UE abrogando la 2004/40/CE sarà portatore di importanti modifiche al Capo IV Titolo VIII Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a campi elettromagnetici del Testo Unico sicurezza su lavoro.

Orientato all’attuazione della direttiva europea sulle disposizioni minime di sicurezza e di salute riguardanti l’esposizione dei lavoratori ai rischi riconducibili agli agenti fisici costituiti dai campi elettromagnetici, il preliminare consiste in uno schema di decreto legislativo che darà attuazione alla direttiva sopra citata e prevede modifiche al decreto legislativo 81/2008.

Qui il comunicato stampa del Consiglio dei Ministri

In vigore la nuova ISO

Le nuove imprese e la loro disciplina

In arrivo un ecosistema da indossare studiato dal MIT di Boston per ENI

La nuova norma che introduce metodi di prova per gli indumenti

Di Cristian Stefani, tecnico commerciale in Polistudio S.p.A.

Di Luca Boarolo, tecnico commerciale in Polistudio S.p.A., partecipante al corso presso il CFO di Mezzano (RA).

Polistudio rinnova il proprio catalogo di prodotti per la formazione

Nasce il primo indice di valutazione per le PMI italiane

L'accordo di INAIL E INPS

Di Lorenzo Belloni, socio fondatore di Polistudio S.p.A. e consulente tecnico di parte con esperienza trentennale.

 

Alcune considerazioni prendendo spunto dall’articolo apparso su Punto Sicuro.

81255278L’evoluzione della tecnica, la conoscenza il confronto con altri paesi con altre culture hanno portato nel corso degli ultimi 60 anni ad un profondo cambiamento all’approccio con il concetto di prevenzione della sicurezza e della salute delle persone negli ambienti di lavoro.

Siamo passati da un concetto prevenzionistico del dopoguerra (DPR 547-55) che si basava sull’adeguatezza di macchine, impianti, luoghi di lavoro, a un concetto di valutazione dei rischi “condivisa “tra datore di lavoro e lavoratori dell’inizio degli anni 90 (D.Lgs. 626-94) per arrivare al 2008 (D.Lgs. 81-08) con l’introduzione “pesante” del concetto di organizzazione del lavoro in materia di sicurezza e salute.

Anche la giurisprudenza, in particolare la Corte di Cassazione, si è “adeguata” a tale evoluzione.

Se pensiamo a sentenze o concetti che negli anni ’80 prevedessero un comportamento “abnorme del lavoratore” o responsabilità dei preposti o meglio ancora di coinvolgimento dei “RSPP” o dei consulenti, non troviamo alcun riscontro ed era fuori dal modo di pensare e di agire di quei tempi.

Ora, le sentenze emesse dalla cassazione, non possono essere ignorate e ci devono far riflettere per mettere in discussione il nostro modo di operare di imprenditori, consulenti e lavoratori.

Analizziamo queste definizioni che, se applicate al nostro mondo possiamo ritenere nuove.

Comportamento imprudente è il comportamento di una persona che, indipendentemente dal ruolo assunto nella propria organizzazione, non tiene conto dei rischi, dei pericoli obiettivi o derivanti dalle proprie azioni, non si attiene a delle regole da lui conosciute la cui violazione potrebbe causare dei danni a lui stesso o a delle altre persone.
Ad esempio il lavoratore non indossa occhiali di protezione durante le operazioni di molatura, oppure alla guida di un carrello elevatore non rallenta in corrispondenza dei passaggio pedonali, ecc.

Comportamento esorbitante è la condotta del lavoratore che, pur collocandosi nell’area di rischio della lavorazione in corso, sia esorbitante dalle precise direttive ricevute e, in sostanza consapevolmente idonea a neutralizzare i presidi antinfortunistici messi in essere dal datore di lavoro
Ad esempio: “Ho tolto la rete di protezione perché so dove sono i pericoli per cui sto attento”, oppure, nel caso di un preposto, “Ho fatto fare l’operazione di manutenzione senza mettere fuori servizio la linea perché era un lavoro breve e fatto altre volte senza conseguenze”.

Il comportamento abnorme, invece, si manifesta quando lo stesso si collochi fuori dall’area di rischio definita dalla lavorazione in corso o dalle proprie mansioni.
Per esempio un lavoratore non abilitato che sale su un carrello elevatore e investe un collega durante il tragitto verso gli spogliatoi, o che, uscendo dal posto di lavoro, imbocca il percorso riservato agli autotreni e viene investito.

Le sentenze e la logica del buon senso ci portano a dire che, l’imprudenza del lavoratore può escludere la responsabilità del datore di lavoro quando quest’ultimo abbia predisposto tutte le misure antinfortunistiche specifiche tali che se fossero state applicate non avrebbero causato l’infortunio al lavoratore. (Cass.pen.6741-2015;313013-2004; 23729-2005;3580-1999) i giuristi più evoluti dicono che l’evento infortunistico è attribuibile esclusivamente alla condotta commissiva del lavoratore se si dimostri che non vi sia stata condotta omissiva del datore di lavoro.

Rappresentativa in questo caso è la massima della cassazione (Cass. pen. 22247-2014) che afferma: “Incombe sul datore di lavoro il precipuo obbligo di impedire prevedibili imprudenti condotte dei lavoratori, mediante l’utilizzo di strumenti e macchinari non agevolmente alterabili, l’uso obbligatorio di dispositivi individuali di protezione e, non ultimo, l’approntamento di personale di vigilanza capace di negare l’accesso a procedure pericolose”.

Passando ora ad esaminare il comportamento esorbitante e abnorme è interessante e significativo vedere come la massima corte si sia spinta a modificare quei confini di queste due definizioni che, come sopra esposto, avevano termini e contesti ben definiti.
Con la sentenza (Sez. 4, n. 3455 del 03/11/2004, dep. 2005, Volpi, Rv. 230770) si afferma che:

“Se, dunque, da un lato, è stato posto l'accento sulle mansioni del lavoratore, quale criterio idoneo a discriminare il comportamento anomalo da quello che non lo è, nel concetto di esorbitanza si è ritenuto di includere anche l'inosservanza di precise norme antinfortunistiche, ovvero la condotta del lavoratore contraria a precise direttive organizzative ricevute, a condizione che l'infortunio non risulti determinato da assenza o inidoneità delle misure di sicurezza adottate dal datore di lavoro”.

“In sintesi, si può cogliere nella giurisprudenza di legittimità la tendenza a considerare interruttiva del nesso di condizionamento la condotta abnorme del lavoratore non solo quando essa si collochi in qualche modo al di fuori dell'area di rischio definita dalla lavorazione in corso ma anche quando, pur collocandosi nell'area di rischio, sia esorbitante dalle precise direttive ricevute e, in sostanza, consapevolmente idonea a neutralizzare i presidi antinfortunistici posti in essere dal datore di lavoro”.

 

E quindi?


Gli insegnamenti che si devono trarre sono molti e tra questi i più significativi sono:

  • Quando si fanno le valutazione dei rischi e i conseguenti documenti ci sono le descrizioni delle attività lavorative fatte da ogni “mansione”?
  • Per ogni rischio attribuito a una persona che esercita una o più mansioni è collegato il motivo per cui è esposto a quel rischio? Più precisamente se dico che è esposto al rischio di scottatura, specifico anche in che fase della lavorazione?
  • Nelle nostre valutazioni attuali teniamo conto dei “rischi da imprudenza prevedibile dei lavoratori?”
  • Nelle aziende in cui operiamo, esiste un chiaro e ben definito sistema piramidale di sorveglianza e controllo? se esiste è organizzato e dimostrabile con elementi oggettivi, contestuali, specifici e non generici?

In conclusione l’evoluzione normativa, il progresso tecnico e la giurisprudenza hanno messo in atto tutti gli strumenti utili per fare in modo che chiunque voglia contribuire a rendere migliore la nostra vita e a prendersi cura di quella degli altri, indipendentemente dal proprio ruolo, lo possa fare e non ci siano più attenuati a patto che ognuno faccia la propria parte con coscienza e buon senso.

Pubblicati i dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

In arrivo il Registro Nazionale con tutti i numeri

L'INAIL pubblica un comodo manuale per valutarne il rischio

La Cassazione Penale riconosce la responsabilità del preposto

In arrivo un ampliamento delle specialità farmaceutiche rimborsabili

jelqing bullet vibrators offers and betting promotions

Utilizziamo i cookies per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle vostre scelte di navigazione in modo da offrirvi la migliore esperienza sul nostro sito. Inoltre ci riserviamo di utilizzare cookies di parti terze. Continuando a navigare sul sito, l'utente accetta di utilizzare i cookies. Per saperne di più

Accetto / Chiudi

Cookie Policy

Uso dei Cookies in questo sito
Nella presente cookie policy viene descritto l'utilizzo dei cookies di questo sito. Preliminarmente si precisa che l'uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e svaniscono con la chiusura del browser) permette la trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito.
I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.

Che cos'è un cookie?

Per fornirti ogni utile informazione sui cookie e sul loro utilizzo anche solo potenziale e per sapere come modificare il settaggio del tuo browser relativamente all'uso dei cookie ti invitiamo a leggere questa descrizione dettagliata.

Cookie del browser:
I cookie sono porzioni di informazioni che il sito Web inserisce nel tuo dispositivo di navigazione quando visiti una pagina. Possono comportare la trasmissione di informazioni tra il sito Web e il tuo dispositivo, e tra quest'ultimo e altri siti che operano per conto nostro o in privato, conformemente a quanto stabilito nella rispettiva Informativa sulla privacy. Possiamo utilizzare i cookie per riunire le informazioni che raccogliamo su di te. Puoi decidere di ricevere un avviso ogni volta che viene inviato un cookie o di disabilitare tutti i cookie modificando le impostazioni del browser. Disabilitando i cookie, tuttavia, alcuni dei nostri servizi potrebbero non funzionare correttamente e non potrai accedere a numerose funzionalità pensate per ottimizzare la tua esperienza di navigazione nel sito. Per maggiori informazioni sulla gestione o la disabilitazione dei cookie del browser, consulta l'ultima sezione della presente Politica sui cookie.
Utilizziamo varie tipologie di cookie con funzioni diverse. Per quanto riguarda i cookie tecnici, potremo utilizzare cookies proprietari persistenti e di sessione al solo fine di favorire la navigazione efficiente del sito.
Il sito web utilizza o può utilizzare, anche in combinazione tra loro, le seguenti categorie di cookies.


1. Cookie strettamente necessari (cookie tecnici)
Questi cookie sono fondamentali per poter navigare sul sito Web e utilizzare alcune funzionalità. Senza i cookie strettamente necessari, i servizi online che normalmente sono offerti dal sito, potrebbero non  essere accessibili se la loro erogazione si basa esclusivamente su cookie di questa natura. Infatti i cookie di questo tipo permettono all’utente di navigare in modo efficiente tra le pagine di un sito web e di utilizzare le diverse opzioni e servizi proposti. Consentono, ad esempio di identificare una sessione, accedere ad aree riservate, ricordare gli elementi che compongono una richiesta formulata in precedenza, perfezionare un ordine di acquisto o la memorizzazione di un preventivo.
Non è necessario fornire il consenso per i cookie tecnici, poiché sono indispensabili per assicurarti i servizi richiesti.  E' possibile bloccare o rimuovere i cookie tecnici modificando la configurazione delle opzioni del proprio browser. Tuttavia eseguendo queste operazioni, è possibile che non si riesca ad accedere a determinate aree del sito web o ad utilizzare alcuni dei servizi offerti.


2. Cookie per le prestazioni (cookie analytics)
È possibile che da parte nostra (o dei i fornitori di servizi che operano per nostro conto) vengano inseriti dei cookie per le prestazioni nel tuo dispositivo di navigazione. Le informazioni raccolte mediante i cookie per le prestazioni sono utilizzate esclusivamente da noi o nel nostro interesse.
I cookie per le prestazioni raccolgono informazioni anonime relative al modo in cui gli utenti utilizzano il sito Web e le sue varie funzionalità. Ad esempio, i nostri cookie per le prestazioni raccolgono informazioni in merito alle pagine del sito che visiti più spesso e alle nostre pubblicità che compaiono su altri siti Web con cui interagisci, oltre a verificare se apri e leggi le comunicazioni che ti inviamo e se ricevi messaggi di errore. Le informazioni raccolte possono essere utilizzate per personalizzare la tua esperienza online mostrando contenuti specifici. I cookie per le prestazioni servono anche per limitare il numero di visualizzazioni di uno stesso annuncio pubblicitario. I nostri cookie per le prestazioni non raccolgono informazioni di carattere personale.
Continuando a utilizzare questo sito Web e le sue funzionalità, autorizzi noi (e gli inserzionisti esterni di questo sito Web) a inserire cookie per le prestazioni nel tuo dispositivo di navigazione.
Per eliminare o gestire i cookie per le prestazioni, consultare l'ultima sezione della presente Cookie Policy.
In particolare il sito utilizza Google Analytics  che è uno strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Si può utilizzare un set di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche di utilizzo del sito web senza identificazione personale dei singoli visitatori da parte di Google.
Oltre a generare rapporti sulle statistiche di utilizzo dei siti web, il tag pixel di Google Analytics può essere utilizzato, insieme ad alcuni cookie per la pubblicità descritti sopra, per consentirci di mostrare risultati più pertinenti nelle proprietà di Google (come la Ricerca Google) e in tutto il Web.
Per ulteriori informazioni è possibile consultare questo sito cookie di Analytics e privacy.


3. Cookie per funzionalità (cookie di profilazione)
Ci riserviamo la possibilità di utilizzare da parte nostra (o dei i fornitori di servizi che operano per nostro conto) dei cookie per funzionalità nel tuo dispositivo di navigazione. Qualora utilizzassimo questi cookies in ogni caso non condividiamo le informazioni raccolte mediante i cookie per funzionalità con eventuali inserzionisti né con terzi.
Questi cookie sono utilizzati per memorizzare le scelte effettuate (preferenza della lingua, paese o altre impostazioni online) e per fornire le funzionalità personalizzate od ottimizzate selezionate dall'utente. I cookie per funzionalità possono essere utilizzati per offrirti servizi online o per evitare che ti vengano offerti servizi che hai rifiutato in passato.
Peraltro informiamo che tecnicamente è possibile autorizzare inserzionisti o terze parti a fornire contenuti e altre esperienze online tramite questo sito Web. In questo caso, la terza parte in questione potrebbe inserire i propri cookie per funzionalità nel tuo dispositivo e utilizzarli, in modo analogo a noi, al fine di fornirti funzionalità personalizzate e ottimizzare la tua esperienza d'uso. Selezionando opzioni e impostazioni personalizzate o funzionalità ottimizzate, autorizzi l'utilizzo da parte nostra dei cookie per funzionalità necessari a offrirti tali esperienze.
Eliminando i cookie per funzionalità, le preferenze o le impostazioni selezionate non verranno memorizzate per visite future.
Nel caso in cui vengano utilizzati cookie di parti terze ci riserviamo di indicare dettagliatamente i link alle informative predisposte da tali soggetti.
Il sito utilizza può utilizzare strumento di remarketing di parti terze. In tal caso alcune pagine del sito possono includere un codice definito "codice remarketing". Questo codice permette di leggere e configurare i cookie del browser al fine di determinare quale tipo di annuncio visualizzerai, in funzione dei dati relativi alla tu visita al sito, quali per esempio il circuito di navigazione scelto, le pagine effettivamente visitate o le azioni compiute all'interno delle stesse.
Le liste di remarketing così create sono conservate in un database dei server di Google in cui si conservano tutti gli ID dei cookie associati ad ogni lista o categoria di interessi. Le informazioni ottenute consentono di identificare solo il browser, dato che con queste informazioni la parte terza non è in grado di identificare l'utente.
Questi strumenti consentono di pubblicare annunci personalizzati in base alle visite degli utenti al nostro sito.
L’autorizzazione alla raccolta e all’archiviazione dei dati può essere revocata in qualsiasi momento. L’utente può disattivare l’utilizzo dei cookie da parte di Google attraverso le specifiche opzioni di impostazione dei diversi browser.

Abilitazione / disabilitazione di cookie tramite il browser
Esistono diversi modi per gestire i cookie e altre tecnologie di tracciabilità. Modificando le impostazioni del browser, puoi accettare o rifiutare i cookie o decidere di ricevere un messaggio di avviso prima di accettare un cookie dai siti Web visitati. Ti ricordiamo che disabilitando completamente i cookie nel browser potresti non essere in grado di utilizzare tutte le nostre funzionalità interattive.
Se utilizzi più computer in postazioni diverse, assicurati che ogni browser sia impostato in modo da soddisfare le tue preferenze.
Puoi eliminare tutti i cookie installati nella cartella dei cookie del tuo browser. Ciascun browser presenta procedure diverse per la gestione delle impostazioni. Fai clic su uno dei collegamenti sottostanti per ottenere istruzioni specifiche.

Disattivazione Cookies
In questa sezione trovi le informazioni per disattivare i cookies sul tuo browser. Ti ricordiamo che disattivando i cookies alcune parti del sito potrebbero non funzionare correttamente.
Se il tuo browser non si trova nell'elenco sotto riportato, ti preghiamo di consultare le istruzione riportate sul tuo browser in merito alla gestione dei cookies.

Internet Explorer versione 6 o superiore
• Seleziona "Strumenti" nella barra del tuo browser
• Seleziona "Opzioni Internet"
• Seleziona la voce "Privacy" e poi clicca su "Advanced"
• Seleziona "Override automatic cookie handling"
• Disattiva i "first-party cookie" selezionando la voce "Block"
• Disattiva i "third party cookie" selezionando la voce "Block"
• Disattiva i "session cookie" deselezionando la voce "Always allow session cookies"
• Clicca su "OK"


Firefox versione 9 o superiore
• Seleziona "Strumenti" nella barra del tuo browser
• Seleziona "Opzioni"
• Selezione la voce "Privacy"
• Nell'area "Cronologia" scegli dal menù a tendina l'opzione "utilizza impostazioni personalizzate"
• Disattiva i cookies deselezionando la voce "Accetta i cookie dai siti"
• Clicca su "OK"

Google Chrome versione 24 o superiore
• Seleziona "Menù Chrome" nella barra del tuo browser
• Selezione "impostazioni"
• Seleziona "Mostra impostazione avanzate"
• Nella sezione "Privacy" clicca su "Impostazione contenuti"
• Disattiva tutti i cookies selezionando "Impedisci ai siti di impostare dati" e "Blocca cookie di terze parti e dati dei siti"
• Clicca su "OK"Se non utilizzi nessuno dei browser sopra elencati, seleziona "cookie" nella relativa sezione della guida per scoprire dove si trova la tua cartella dei cookie.

Eliminazione dei cookie Flash
Fai clic sul collegamento qui di seguito per modificare le tue impostazioni relative ai cookie Flash.

Disabilitazione dei cookie Flash

Attivazione e disattivazione dei cookies
Oltre a poter utilizzare gli strumenti previsti dal browser per attivare o disattivare i singoli cookies informiamo che il sito www.youronlinechoices.com riporta l'elenco dei principali provider che lavorano con i gestori dei siti web per raccogliere e utilizzare informazioni utili alla fruizione della pubblicità comportamentale. Puoi disattivare o attivare tutte le società o in alternativa regolare le tue preferenze individualmente per ogni società. Per farlo puoi utilizzare lo strumento che trovi nella pagina www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte per controllare le tue preferenze sulla pubblicità comportamentale.

Ulteriori informazioni utili sui cookie sono disponibili a questi indirizzi:

www.allaboutcookies.org;
www.youronlinechoises.com