Nel Decreto Legislativo 81/2008, all’articolo 18, è indicato l’obbligo secondo il quale il datore di lavoro deve individuare gli addetti alla gestione delle emergenze e del primo soccorso.

La norma non contiene riferimenti alla tipologia di azienda o alla sua grandezza; non c’è scritto quanti dipendenti debba avere per ricadere nell’obbligo. Questo perché, a rigor di logica, il pericolo e l’emergenza connessa si possono palesare in qualsiasi occasione, indipendentemente da queste variabili.  

Al di là della normazione generale, bisogna poi individuare le caratteristiche di quel dato ambiente di lavoro, per poter poi strutturare un sistema di gestione e prevenzione che sia adeguato (al numero di persone, alla gestione dei turni di lavoro, ai pericoli di quel settore produttivo, eccetera), ma non c’è alcun richiamo a tipologie di aziende che possano essere esonerate dall’individuazione e formazione di addetti al primo soccorso e all’emergenza. 

La Legge, in definitiva, stabilisce che queste competenze di base debbano esserci, ma è poi l’imprenditore che - in base alla valutazione del rischio - deve fare in modo che il sistema di gestione delle emergenze sia efficiente.   

 

Intervista Polistudio su Igiene e Prevenzione

 

I controlli sulla gestione delle emergenze 

Di fronte alle prescrizioni, ci si chiede sempre se esistano controlli da parte delle autorità che verificano che l’imprenditore abbia davvero formato gli addetti alle emergenze. 

In questo ambito, le autorità intervengono in genere in due casi:   

1.Ex post, a seguito di eventi infortunistici. Anche se questi non sono necessariamente legati alla gestione delle emergenze, può accadere, a latere, che l’ASL, ad esempio, voglia sapere chi sono gli addetti al primo soccorso.   

2.Per visite dei Vigili del fuoco, che possono essere sia ante che post evento infortunistico. Nel controllo del territorio, può accadere che i pompieri chiedano evidenza dell’avvenuta formazione di chi gestisce le emergenze.  

 

Emergenze nelle piccole e grandi imprese 

Le piccole imprese, con 3-5 lavoratori, sono spesso a conduzione familiare e la gestione delle emergenze è attribuita allo stesso datore di lavoro. In questi casi i corsi di formazione sono organizzati nell’azienda stessa e si propongono soluzioni “comode”, i cui gli importi sono commisurati alla giornata formativa e non al numero di dipendenti.  

Si tratta di una buona soluzione, soprattutto per quelle società che operano nella manutenzione e nell’impiantistica, che sono dunque organizzate per muoversi su un determinato territorio in squadre. Questo vuol dire che - nonostante la dimensione piccola dell’azienda - in realtà bisogna formare tutti o quasi, perché ogni squadra deve essere in grado di gestire sia l’intervento di primo soccorso che quello antincendio.  

L’adempimento risponde molto alla sensibilità del datore di lavoro, rispetto alla grande azienda. In quest’ultima l’imprenditore può anche non essere molto “sensibile”, ma ci sono altri reparti come le Risorse umane e l’Ufficio Qualità - che premono per l’adempimento. Nella piccola azienda questi uffici non esistono e quindi tutto è rimesso all’imprenditore.  

Nella grande impresa le dinamiche sono un po’ diverse. Certo, la grande azienda è attenta a non finire sotto i riflettori, ma la questione spesso attiene a - e coincide con - il settore produttivo. Le realtà più strutturate spesso operano in settori nei quali il sistema di certificazione è stringente. Ad esempio, per commercializzare un determinato prodotto è possibile che debba prima ottenere una certificazione specifica. Ebbene, quella certificazione la si ottiene soltanto se, tra i diversi requisiti, posso dimostrare la formazione delle figure di emergenza.  

 

Gli errori più comuni nella gestione delle emergenze in azienda 

Di gestione delle emergenze e degli errori più comuni, ha parlato il nostro ingegnere Carlo Dallemulle, R&S Manager di Polistudio, in un’intervista ad "Igiene & Prevenzione", magazine tecnico-scientifico che diffonde la cultura della prevenzione e della salute in ambito aziendale e approfondisce le esigenze specifiche delle aziende in materia di salute, sicurezza e ambiente nei luoghi di lavoro. 

Nella gestione delle emergenze in azienda, anche il lavoratore “comune” può trovarsi a dover fronteggiare situazioni improvvise. 

 

2

Quali sono le azioni più errate che un lavoratore può compiere in caso di incendio in azienda?  

Quello più frequente, forse, deriva proprio dalla mancata distinzione tra incendio allo “stato iniziale” e “diffuso”. In quest’ultimo caso, l’errore sta proprio nel tentativo di spegnere un incendio che un lavoratore, con i mezzi a disposizione e le conoscenze che ha, non può spegnere. Ciò vuol dire mettere a rischio sé e non concentrare l’attenzione su ciò che vale la pena fare: mettersi in salvo e chiamare i soccorsi, ad esempio. Ecco, la telefonata tardiva ai Vigili del fuoco è certamente uno sbaglio che accade spesso e che è davvero rilevante, poiché ogni secondo perso è fuoco che avanza.  

Nel caso di incendio allo stato iniziale, un errore frequente è non tenere presente qual è il numero di colleghi nello stabile e, anche una volta in salvo, non “fare l’appello” per capire chi possa esservi ancora all’interno.  

 

E gli errori “prima” dell’incendio quali sono?  

Come si è sviluppato l’incendio dà un’idea drammaticamente chiara di quali sono stati gli errori commessi nel periodo precedente, da un punto di vista impiantistico, manutentivo e di formazione del personale. Classico esempio, purtroppo, riguarda gli idranti: nel momento più concitato dell’emergenza, il lavoratore impugna la lancia, spara e… l’idrante è “vuoto”. Ciò può accadere perché il dispositivo non è stato sottoposto a manutenzione, perché la valvola di adduzione è chiusa o per altri motivi che potevano essere certamente evitati.  

Ad ogni modo, le leggerezze che possono essere compiute prima dell’evento sono innumerevoli. Il triangolo del fuoco - innesco, comburente e combustibile - fa sì che gli elementi in gioco siano davvero tanti.   

 

Invece, gli errori che riguardano il primo soccorso?   

Il soccorso di una persona attiene alla pratica medica, che è altamente specialistica e, soprattutto, impatta immediatamente sulla salute dell’altro. Il normatore ne è consapevole e, per questo motivo, lascia al personale medico l’esecuzione di determinate pratiche. Del resto, è reale la possibilità che un soggetto non formato possa, non solo non riuscire ad arrestare i sintomi di un malessere, ma addirittura amplificarli.   

La prima parte della formazione di un lavoratore addetto al primo soccorso è dunque teorica e fissa, tra le altre, la consapevolezza che determinate tecniche possono essere di sua competenza; altre no. L’errore principale, dunque, può essere non avere questa nozione e lanciarsi in operazione “spericolate”. Tra le quali, tra l’altro, può rientrare anche lo spostamento apparentemente banale del corpo dell’infortunato.   

Nei nostri corsi segue la parte pratica, durante la quale il lavoratore - assistito da medico e docente e con l’ausilio di manichino e lettino - esercita alcune tecniche “salvavita”, quali possono essere la Manovra di Heimlich per la disostruzione delle vie aeree, o il massaggio cardiaco per la riattivazione della circolazione sanguigna e dell’ossigenazione degli organi.   

Il tutto, sempre nell’attesa del soccorso medico. Come detto, bisogna limitarsi a ciò che si può fare: le conseguenze di una “leggerezza”, infatti, possono rivelarsi davvero “pesanti”.

 

jelqing bullet vibrators offers and betting promotions

Utilizziamo i cookies per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle vostre scelte di navigazione in modo da offrirvi la migliore esperienza sul nostro sito. Inoltre ci riserviamo di utilizzare cookies di parti terze. Continuando a navigare sul sito, l'utente accetta di utilizzare i cookies. Per saperne di più

Accetto / Chiudi

Cookie Policy

Uso dei Cookies in questo sito
Nella presente cookie policy viene descritto l'utilizzo dei cookies di questo sito. Preliminarmente si precisa che l'uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e svaniscono con la chiusura del browser) permette la trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito.
I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.

Che cos'è un cookie?

Per fornirti ogni utile informazione sui cookie e sul loro utilizzo anche solo potenziale e per sapere come modificare il settaggio del tuo browser relativamente all'uso dei cookie ti invitiamo a leggere questa descrizione dettagliata.

Cookie del browser:
I cookie sono porzioni di informazioni che il sito Web inserisce nel tuo dispositivo di navigazione quando visiti una pagina. Possono comportare la trasmissione di informazioni tra il sito Web e il tuo dispositivo, e tra quest'ultimo e altri siti che operano per conto nostro o in privato, conformemente a quanto stabilito nella rispettiva Informativa sulla privacy. Possiamo utilizzare i cookie per riunire le informazioni che raccogliamo su di te. Puoi decidere di ricevere un avviso ogni volta che viene inviato un cookie o di disabilitare tutti i cookie modificando le impostazioni del browser. Disabilitando i cookie, tuttavia, alcuni dei nostri servizi potrebbero non funzionare correttamente e non potrai accedere a numerose funzionalità pensate per ottimizzare la tua esperienza di navigazione nel sito. Per maggiori informazioni sulla gestione o la disabilitazione dei cookie del browser, consulta l'ultima sezione della presente Politica sui cookie.
Utilizziamo varie tipologie di cookie con funzioni diverse. Per quanto riguarda i cookie tecnici, potremo utilizzare cookies proprietari persistenti e di sessione al solo fine di favorire la navigazione efficiente del sito.
Il sito web utilizza o può utilizzare, anche in combinazione tra loro, le seguenti categorie di cookies.


1. Cookie strettamente necessari (cookie tecnici)
Questi cookie sono fondamentali per poter navigare sul sito Web e utilizzare alcune funzionalità. Senza i cookie strettamente necessari, i servizi online che normalmente sono offerti dal sito, potrebbero non  essere accessibili se la loro erogazione si basa esclusivamente su cookie di questa natura. Infatti i cookie di questo tipo permettono all’utente di navigare in modo efficiente tra le pagine di un sito web e di utilizzare le diverse opzioni e servizi proposti. Consentono, ad esempio di identificare una sessione, accedere ad aree riservate, ricordare gli elementi che compongono una richiesta formulata in precedenza, perfezionare un ordine di acquisto o la memorizzazione di un preventivo.
Non è necessario fornire il consenso per i cookie tecnici, poiché sono indispensabili per assicurarti i servizi richiesti.  E' possibile bloccare o rimuovere i cookie tecnici modificando la configurazione delle opzioni del proprio browser. Tuttavia eseguendo queste operazioni, è possibile che non si riesca ad accedere a determinate aree del sito web o ad utilizzare alcuni dei servizi offerti.


2. Cookie per le prestazioni (cookie analytics)
È possibile che da parte nostra (o dei i fornitori di servizi che operano per nostro conto) vengano inseriti dei cookie per le prestazioni nel tuo dispositivo di navigazione. Le informazioni raccolte mediante i cookie per le prestazioni sono utilizzate esclusivamente da noi o nel nostro interesse.
I cookie per le prestazioni raccolgono informazioni anonime relative al modo in cui gli utenti utilizzano il sito Web e le sue varie funzionalità. Ad esempio, i nostri cookie per le prestazioni raccolgono informazioni in merito alle pagine del sito che visiti più spesso e alle nostre pubblicità che compaiono su altri siti Web con cui interagisci, oltre a verificare se apri e leggi le comunicazioni che ti inviamo e se ricevi messaggi di errore. Le informazioni raccolte possono essere utilizzate per personalizzare la tua esperienza online mostrando contenuti specifici. I cookie per le prestazioni servono anche per limitare il numero di visualizzazioni di uno stesso annuncio pubblicitario. I nostri cookie per le prestazioni non raccolgono informazioni di carattere personale.
Continuando a utilizzare questo sito Web e le sue funzionalità, autorizzi noi (e gli inserzionisti esterni di questo sito Web) a inserire cookie per le prestazioni nel tuo dispositivo di navigazione.
Per eliminare o gestire i cookie per le prestazioni, consultare l'ultima sezione della presente Cookie Policy.
In particolare il sito utilizza Google Analytics  che è uno strumento di analisi di Google che aiuta i proprietari di siti web e app a capire come i visitatori interagiscono con i contenuti di loro proprietà. Si può utilizzare un set di cookie per raccogliere informazioni e generare statistiche di utilizzo del sito web senza identificazione personale dei singoli visitatori da parte di Google.
Oltre a generare rapporti sulle statistiche di utilizzo dei siti web, il tag pixel di Google Analytics può essere utilizzato, insieme ad alcuni cookie per la pubblicità descritti sopra, per consentirci di mostrare risultati più pertinenti nelle proprietà di Google (come la Ricerca Google) e in tutto il Web.
Per ulteriori informazioni è possibile consultare questo sito cookie di Analytics e privacy.


3. Cookie per funzionalità (cookie di profilazione)
Ci riserviamo la possibilità di utilizzare da parte nostra (o dei i fornitori di servizi che operano per nostro conto) dei cookie per funzionalità nel tuo dispositivo di navigazione. Qualora utilizzassimo questi cookies in ogni caso non condividiamo le informazioni raccolte mediante i cookie per funzionalità con eventuali inserzionisti né con terzi.
Questi cookie sono utilizzati per memorizzare le scelte effettuate (preferenza della lingua, paese o altre impostazioni online) e per fornire le funzionalità personalizzate od ottimizzate selezionate dall'utente. I cookie per funzionalità possono essere utilizzati per offrirti servizi online o per evitare che ti vengano offerti servizi che hai rifiutato in passato.
Peraltro informiamo che tecnicamente è possibile autorizzare inserzionisti o terze parti a fornire contenuti e altre esperienze online tramite questo sito Web. In questo caso, la terza parte in questione potrebbe inserire i propri cookie per funzionalità nel tuo dispositivo e utilizzarli, in modo analogo a noi, al fine di fornirti funzionalità personalizzate e ottimizzare la tua esperienza d'uso. Selezionando opzioni e impostazioni personalizzate o funzionalità ottimizzate, autorizzi l'utilizzo da parte nostra dei cookie per funzionalità necessari a offrirti tali esperienze.
Eliminando i cookie per funzionalità, le preferenze o le impostazioni selezionate non verranno memorizzate per visite future.
Nel caso in cui vengano utilizzati cookie di parti terze ci riserviamo di indicare dettagliatamente i link alle informative predisposte da tali soggetti.
Il sito utilizza può utilizzare strumento di remarketing di parti terze. In tal caso alcune pagine del sito possono includere un codice definito "codice remarketing". Questo codice permette di leggere e configurare i cookie del browser al fine di determinare quale tipo di annuncio visualizzerai, in funzione dei dati relativi alla tu visita al sito, quali per esempio il circuito di navigazione scelto, le pagine effettivamente visitate o le azioni compiute all'interno delle stesse.
Le liste di remarketing così create sono conservate in un database dei server di Google in cui si conservano tutti gli ID dei cookie associati ad ogni lista o categoria di interessi. Le informazioni ottenute consentono di identificare solo il browser, dato che con queste informazioni la parte terza non è in grado di identificare l'utente.
Questi strumenti consentono di pubblicare annunci personalizzati in base alle visite degli utenti al nostro sito.
L’autorizzazione alla raccolta e all’archiviazione dei dati può essere revocata in qualsiasi momento. L’utente può disattivare l’utilizzo dei cookie da parte di Google attraverso le specifiche opzioni di impostazione dei diversi browser.

Abilitazione / disabilitazione di cookie tramite il browser
Esistono diversi modi per gestire i cookie e altre tecnologie di tracciabilità. Modificando le impostazioni del browser, puoi accettare o rifiutare i cookie o decidere di ricevere un messaggio di avviso prima di accettare un cookie dai siti Web visitati. Ti ricordiamo che disabilitando completamente i cookie nel browser potresti non essere in grado di utilizzare tutte le nostre funzionalità interattive.
Se utilizzi più computer in postazioni diverse, assicurati che ogni browser sia impostato in modo da soddisfare le tue preferenze.
Puoi eliminare tutti i cookie installati nella cartella dei cookie del tuo browser. Ciascun browser presenta procedure diverse per la gestione delle impostazioni. Fai clic su uno dei collegamenti sottostanti per ottenere istruzioni specifiche.

Disattivazione Cookies
In questa sezione trovi le informazioni per disattivare i cookies sul tuo browser. Ti ricordiamo che disattivando i cookies alcune parti del sito potrebbero non funzionare correttamente.
Se il tuo browser non si trova nell'elenco sotto riportato, ti preghiamo di consultare le istruzione riportate sul tuo browser in merito alla gestione dei cookies.

Internet Explorer versione 6 o superiore
• Seleziona "Strumenti" nella barra del tuo browser
• Seleziona "Opzioni Internet"
• Seleziona la voce "Privacy" e poi clicca su "Advanced"
• Seleziona "Override automatic cookie handling"
• Disattiva i "first-party cookie" selezionando la voce "Block"
• Disattiva i "third party cookie" selezionando la voce "Block"
• Disattiva i "session cookie" deselezionando la voce "Always allow session cookies"
• Clicca su "OK"


Firefox versione 9 o superiore
• Seleziona "Strumenti" nella barra del tuo browser
• Seleziona "Opzioni"
• Selezione la voce "Privacy"
• Nell'area "Cronologia" scegli dal menù a tendina l'opzione "utilizza impostazioni personalizzate"
• Disattiva i cookies deselezionando la voce "Accetta i cookie dai siti"
• Clicca su "OK"

Google Chrome versione 24 o superiore
• Seleziona "Menù Chrome" nella barra del tuo browser
• Selezione "impostazioni"
• Seleziona "Mostra impostazione avanzate"
• Nella sezione "Privacy" clicca su "Impostazione contenuti"
• Disattiva tutti i cookies selezionando "Impedisci ai siti di impostare dati" e "Blocca cookie di terze parti e dati dei siti"
• Clicca su "OK"Se non utilizzi nessuno dei browser sopra elencati, seleziona "cookie" nella relativa sezione della guida per scoprire dove si trova la tua cartella dei cookie.

Eliminazione dei cookie Flash
Fai clic sul collegamento qui di seguito per modificare le tue impostazioni relative ai cookie Flash.

Disabilitazione dei cookie Flash

Attivazione e disattivazione dei cookies
Oltre a poter utilizzare gli strumenti previsti dal browser per attivare o disattivare i singoli cookies informiamo che il sito www.youronlinechoices.com riporta l'elenco dei principali provider che lavorano con i gestori dei siti web per raccogliere e utilizzare informazioni utili alla fruizione della pubblicità comportamentale. Puoi disattivare o attivare tutte le società o in alternativa regolare le tue preferenze individualmente per ogni società. Per farlo puoi utilizzare lo strumento che trovi nella pagina www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte per controllare le tue preferenze sulla pubblicità comportamentale.

Ulteriori informazioni utili sui cookie sono disponibili a questi indirizzi:

www.allaboutcookies.org;
www.youronlinechoises.com