Cosa cambia per le imprese

In vigore dal primo giugno scorso, il cosiddetto regolamento CLP (1272/2008) relativo alla classificazione, all’etichettatura e all’imballaggio di sostanze chimiche e miscele, è la sola normativa esistente che va a sostituire quella precedente.
Con l’introduzione delle nuove disposizioni, restano sostanzialmente invariati gli obblighi ma cambiano alcune modalità. È il caso del nuovo metodo di classificazione e di etichettatura delle sostanze chimiche che fa riferimento al sistema mondiale armonizzato delle Nazioni Unite (GHS dell’ONU).
Le imprese dovranno garantire la salute e sicurezza di lavoratori e consumatori classificando, etichettando e imballando le sostanze chimiche pericolose in modo consono e appropriato prima di immetterle sul mercato.
I prodotti coinvolti sono tantissimi, si va dalle vernici ai detergenti fino alle miscele industriali.

Qui per approfondire