L’Inail raccoglie e divulga i primi dati

È stata pubblicata sul sito dell’Inail la prima raccolta di dati relativa alle comunicazioni effettuate dai medici competenti ai sensi dell’art. 40 che stabilisce la trasmissione telematica all’Inail da parte dei medici dei dati collettivi aggregati sanitari e di rischio dei lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria.
Realizzata con la collaborazione del ministero della Salute, Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Regini, Province Autonome di Trento e Bolzano, Inail e le associazioni medico-scientifiche, la pubblicazione è un strumento per le politiche nazionali di prevenzione e sicurezza, come sottolinea Ester Rotoli, Direttore Centrale di Prevenzione. “Definisce un quadro di rischi indispensabile a individuare obiettivi e programmi delle politiche nazionali di prevenzione e a indirizzare e programmare le attività di prevenzione a livello territoriale.”
Dalla struttura del flusso informativo delle comunicazioni dei medici competenti che dalla loro redazione telematica passano all’Asl fino ad arrivare all’Inail passando per la Regione all’analisi ed elaborazione dei dati, la pubblicazione fornisce spunti di riflessione e scatta una fotografia della situazione italiana suddivisa in regioni.

Qui la pubblicazione completa.

La stima preliminare dell’Istat
Una nota dei Vigili del Fuoco per chiarire
Cosa cambia per le imprese
I risultati dell’indagine EU-OSHA
Ecco come sarà il nuovo DURC on-line

Il rapporto dell’Istituto Superiore di Sanità

Ecco chi può partecipare e la relativa scadenza
Approvate le nuove linee guida sulla legionellosi
Al via la seconda fase del Bando ISI 2014
L’accordo tra Inail e Sistema Commercio e Impresa

Ecco chi la deve compilare e relative scadenze

In calo gli infortuni e in crescita le malattie professionali

In arrivo 10 milioni di euro aggiuntivi
In arrivo un sostegno da Fondimpresa
Le nuove linee guida della Regione Emilia Romagna