Polistudio | LIFE FIRST
Polistudio | LIFE FIRST
Polistudio | LIFE FIRST
Polistudio | LIFE FIRST
SICUREZZA
AMBIENTE
GESTIONE
CANTIERI

SICUREZZA

AMBIENTE

GESTIONE

CANTIERI

LOGIN
Username:
Password:
ACCEDI
Hai perso i dati? Recuperali
ROMANZO POLISTUDIO
L'alba di un cuore antico
"L'alba di un cuore antico"
Il primo romanzo d'azienda realizzato da Eleonora Buratti

Archivio News: Sicurezza Aziende


05/06/2012: CHE FINE HA FATTO IL REGISTRO ANTINCENDIO? Le modifiche del DPR 151


L’entrata in vigore del nuovo regolamento in materia antincendio introdotto dal DPR 151 ha apportato modifiche nella gestione e produzione di documenti da parte di quelle aziende che svolgono attività rientranti nelle Categorie di rischio A, B, e C elencate nell’Allegato I del suddetto decreto. La nuova disciplina, oltre a cambiare il senso del certificato di prevenzione incendi che con la vecchia normativa attestava la fine di un processo autorizzativo mentre ora è parte di un processo più ampio che mira alla conformità normativa e che in taluni casi non prevede il rilascio del certificato ma di un verbale di visita tecnica, apporta novità per il cosiddetto registro antincendio che viene abrogato assieme al decreto che lo rendeva obbligatorio. In che modo viene cancellato il registro antincendio?Cosa lo sostituisce?

“Il nuovo regolamento – precisa Roberto Silvestrini di Polistudio – ha abrogato tra gli altri anche il  DPR del 12 gennaio 1998 n°37che imponeva al datore di lavoro di annotare in apposito registro denominato Registro Antincendio tutte le attività di sorveglianza e manutenzione che riguardano i presidi antincendio (estintori, rete antincendio, idranti, sistemi di rivelazione), e l’attività formativa. Con l’introduzione del Testo Unico che prevede il Registro delle Manutenzioni di tutti gli impianti presenti in azienda inclusi i presidi antincendio il Registro Antincendio costituiva un doppione. Con l’introduzione del DPR 151, restano solo il Registro della Manutenzione e, a prova dell’attività formativa, gli attestati rilasciati dall’ente di formazione.”

25/07/2014: PROGETTO INSuLa

Dall’INAIL la più grande indagine nazionale su salute e sicurezza
In arrivo 30 milioni di euro dall’INAIL
In calo i morti sul lavoro, in aumento le malattie professionali
Aggiornamento teorico pratico: non sempre vale il vincolo del rapporto 1 a 6
Per la Cassazione il lavoratore va risarcito

27/06/2014: SICUREZZA MACCHINE

Dall’INAIL due software per applicare la normativa
Dalla Cassazione l’obbligo alla formazione anche per il lavoratore esperto
Ecco come possono partecipare le aziende
Nasce Gren Safety
Slittano i termini per i preavvisi telematici
L’iniziativa dell’Inail e dell’ILO
Due interpelli per fare chiarezza

24/04/2014: INCENTIVI INAIL

Inoltrati quasi 29mila progetti dalle imprese. Dal 30 aprile la seconda fase.
Per l’Inail è infortunio in itinere
Dall’entrata in vigore, il primo marzo 2013, della nuova norma CEI EN 62305 Protezione contro i fulmini. Parte 2 Valutazione del rischio, le valutazioni redatte negli edifici esistenti dove il rischio di fulminazione era stato valutato in base alle norme precedenti, sono, come richiesto dal d.lgs 81/08 e s.m.i agli articoli 17 e 84, tutte da rifare.
Nell’ambito della pubblicazione, a inizio anno, di una nuova edizione revisionata della Norma CEI EN 50110-1, è stata pubblicata anche la IV edizione della CEI 11-27 IV edizione che va a sostituire la precedente Norma CEI 11-27-2005-02 che resterà applicabile fino al 01/02/2015.
È entrato in vigore il 25 marzo il nuovo d.lgs. 19 del 19 febbraio 2014 che attua la direttiva 2010/32/UE in materia di prevenzione delle ferite da taglio o da punta nel settore ospedaliero e sanitario.
Il Ministero dell’Interno con il decreto 3 marzo 2014 ha approvato le nuove regole di prevenzione degli incendi nei rifugi alpini. Tali disposizioni vanno a modificare il precedente decreto datato 9 aprile 1994 e a sostituirne interamente il titolo IV
Con Decreto 4 marzo 2014, il Ministero dell’Interno modifica e integra l’allegato al decreto 14 maggio 2004 recante l’approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l’installazione e l’esercizio dei depositi di gas di petrolio liquefatto con capacità complessiva non superiore a 13 m³.
Di concerto col processo di valorizzazione del patrimonio informativo e nella logica dell’OPEN DATA, l’INAIL mette a disposizione dei cittadini un set di dati pubblici accessibili attraverso il sito.
[|«] [«] 1 2 3 4 5 6 7 8 9 [»] [»|]